Commettono 90 furti, magistrato li scarcera

Condividi!

Nel febbraio scorso un’operazione dei carabinieri permise di fermare per furto aggravato 7 immigrati responsabili di oltre 90 furti tra Campania, Calabria e Basilicata.

VERIFICA LA NOTIZIA

I reati venivano commessi da sette extracomunitari residenti nei comuni di Roccadaspide, Eboli, Pontecagnano e Battipaglia che successivamente cedevano la refurtiva a tre malfattori residenti nell’hinterland vesuviano che avevano il compito di “piazzare” la refurtiva.

Di questi due sono stati messi in libertà. La decisione è del Tribunale del Riesame. Si tratta di due stranieri senza fissa dimora, uno dei quali risulta anche irregolare sul territorio nazionale.

Un provvedimento che fa discutere considerato che i carabinieri per arrivare a fermare i componenti del gruppo avevano posto in essere lunghe e complesse indagini partite da una serie di reati commessi sul territorio. Durante l’attività di ricerca degli stranieri, un sottufficiale venne anche aggredito dai malviventi che vistisi scoperti, nel fuggire, colpirono il militare. Un dato che, secondo le forze dell’ordine, confermava anche la pericolosità del gruppo.

Già in passato il Tribunale del Riesame aveva rimesso in libertà persone sottoposte ad arresto da parte dei carabinieri su disposizione della Procura. E’ il caso dei rumeni arrestati la scorsa estate e in qualche modo collegati al furto dell’oro di San Pantaleone.

E’ il caso di mandare un’ispezione.




Lascia un commento