Il boss delle coop Pd intercettato: “Benedetto autismo”

Condividi!

Del suo arresto abbiamo parlato giorni fa:

Mafia votava PD in cambio favori, arrestato deputato: “A disposizione del boss”

Ieri l’intercettazione in cui benedice le persone affette da autismo perché rendono molto bene:

“Benedetto autismo”, diceva l’ex politico Pd intento a investire in uno dei progetti della coop ‘Serenità società cooperativa sociale onlus’ di Marsala. Secondo i magistrati l’ex deputato regionale “ha preso parte a Cosa nostra, destinatario delle preferenze elettorali dell’associazione mafiosa, fornendo un concreto e specifico contributo per garantire gli interessi del sodalizio mafioso”. Per il gip del Tribunale di Palermo, Ruggirello “garantiva piena disponibilità per tutelare gli interessi della famiglia mafiosa di Mazara del Vallo, anche relativi a futuri finanziamenti pubblici, attraverso accordi raggiunti con Michele Accomando, appartenente alla famiglia”.

Non solo, secondo il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi il ruolo di Ruggirello fungeva da ponte tra mafia e Istituzioni: “Fatta salva la sua presunzione di innocenza, il Gip lo ha ritenuto un vero e proprio referente politico dell’organizzazione mafiosa, aiutato nel suo percorso elettorale fin dal 2008. Un cambio promesse di incarichi e promesse di posti di lavoro”, spiega Lo Voi.

Figurarsi se non facevano di tutto per favorire il traghettamento di immigrati in Italia.




Un pensiero su “Il boss delle coop Pd intercettato: “Benedetto autismo””

Lascia un commento