Coldiretti esige più ‘neçri’ nelle campagne

Condividi!

Invece di meccanizzare la raccolta e pagare locali il giusto – magari studenti o disoccupati -, preferiscono importare altri ‘negri’.

Che accettano paghe da fame e condizioni di lavoro indecenti perché non devono pagarsi una casa, vivono in baraccopoli o tendopoli magari realizzate poi a spese dei contribuenti.

Non trovate vergognoso che questi chiedano di importare lavoratori da sfruttare, e poi non paghino nemmeno per ospitarli, scaricando tutto sulla collettività?

E la cosa più sconvolgente è che li accontenteranno. Salvo poi essere costretti a radere al suolo l’ennesima baraccopoli della mafia nigeriana sparpagliandone gli ospiti in strutture pubbliche a spese dei contribuenti.

La Coldiretti si lamenta – giustamente -, per le massicce importazioni di prodotti stranieri che danneggiano l’agricoltura italiana: ma se l’alternativa è importare ‘negri’, allora…




Lascia un commento