Capo accoglienza: Lega come terroristi perché manda via nigeriane

Condividi!

“Quello che non riuscirono a fare gli attentatori che il 16 novembre del 2016 appiccarono il fuoco al portone della casa delle suore elisabettine di Lavarone, impedire cioè l’accoglienza delle migranti, è riuscito a farlo il potere provinciale leghista”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tal Passerini, già presidente della Federazione regionale del Coordinamento nazionale comunità di accoglienza, grande capo del business locale degli immigrati, entra così nella polemica tra don Marcello Farina, che aveva minacciato di chiudere le chiese:

Prete: “Se mandate via nigeriane chiudiamo le chiese”

E la replica di monsignor Lauro Tisi che l’aveva rimbrottato, dopo una minaccia troppo estrema anche per lui.

“La Chiesa e la comunità trentina non possono, senza tradire se stesse, stare in silenzio e non giudicare, con parole forti e chiare, un potere che tratta le persone come cose” ha concluso Vincenzo Passerini.

Presentati alle elezioni e prometti, in caso di vittoria, di tenere a vita le nigeriane in hotel a spese dei contribuenti.

E i loro galoppini:




Un pensiero su “Capo accoglienza: Lega come terroristi perché manda via nigeriane”

Lascia un commento