INPS ammette: immigrati rubano il lavoro agli italiani

Condividi!

Questa la sintesi della ricerca ‘Il mercato del lavoro 2018’

“L’aumento della quota di occupazione meno qualificata, accompagnata dalla marcata segmentazione etnica del mercato del lavoro italiano, ha favorito la presenza di lavoratori immigrati più disposti ad accettare lavori disagiati e a bassa specializzazione“. BOOM.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ quanto riporta il volume ‘Il mercato del lavoro 2018’, frutto della collaborazione tra ministero del Lavoro, Istat, Inps, Inail e Anpal. Tra il 2008 e il 2018 “gli stranieri sono passati dal 7,1% al 10,6% degli occupati”. Nei servizi alle famiglie “su 100 occupati 70 sono stranieri”.

Questo ha un solo significato: danneggiano la componente italiana meno qualificata. I più poveri, che vengono messi in competizione con chi arriva ed è disposto a tutto.

Pensate poi ai profughi: vitto e alloggio pagato, poi possono accettare anche 100 euro al mese per lavorare no?




Lascia un commento