Clandestini appena sbarcati svaligiavano case

Condividi!

E’ passato nemmeno un anno, ma sembrano passati secoli. L’avvento di Salvini ha rivoluzionato tutto.

Un anno fa la situazione a Lampedusa era caotica, fuori controllo.

Con i tunisini che razziavano le case appena sbarcati. Con una situazione che era sempre più emergenziale sulla più grande delle isole Pelagie: i tunisini appena sbarcati sciamavano a caccia di case incustodite.

La notte, approfittando del buio, si intrufolavano nelle abitazioni dopo essere usciti dall’hotspot che li ospitava sull’isola.

VERIFICA LA NOTIZIA

Particolarmente famoso il caso dei tunisini che tentarono di forzare la porta di ingresso ed entrare all’interno dell’hotel Medusa.

Ai due tunisini, ospiti dell’hotspot di contrada Imbriacola, i carabinieri arrivarono attraverso la visione delle immagini estrapolate dai sistemi di video sorveglianza.

Ma i casi furono davvero tanti. Non si contavano. Con molti clandestini che, addirittura, bivaccavano nelle case dei turisti.

Ora questo non accade più, perché i porti sono chiusi. Anche se i tunisini continuano ogni tanto a sbarcare, ma vengono rimpatriati in modo più veloce.

Non è ancora abbastanza. Ma è un’enormità rispetto all’anno scorso.




Un pensiero su “Clandestini appena sbarcati svaligiavano case”

Lascia un commento