Rapper nigeriano: «Italia del futuro sarà multietnica che lo vogliate o no»

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il rapper Tommy Kuti, classe 1989, nigeriano in Italia dall’età di due anni. Tipica arroganza da seconda generazione.

«Non pensate sempre solo agli sbarchi, al disagio, alla delinquenza. L’Italia del futuro è multietnica che lo si voglia o no, l’unica discriminante è se il Paese saprà trarre vantaggio dalle cosiddette nuove risorse. Io vivo a Milano, per noi giovani è già così. Con la mia musica racconto storie altrimenti non raccontate» dice Tommy.

Questi danno per scontato che il futuro sia ‘multietnico’. In realtà, guardando a Paesi dove l’esperimento immigrazione è stato imposto prima che in Italia, vediamo società parallele che non si incontrano. Con violenze ogni volta che si incontrano.

Il futuro, se non blocchiamo l’immigrazione è probabilmente la Bosnia. Non la Svizzera, dove le nazionalità convivono pacificamente solo perché separate territorialmente.

Abbiamo ancora la possibilità di lasciare un’Italia italiana ai nostri figlie e nipoti: abrogare la legge sui ricongiungimenti familiari, ora.




Un pensiero su “Rapper nigeriano: «Italia del futuro sarà multietnica che lo vogliate o no»”

Lascia un commento