Profugo con 2 mogli e 6 figli mantenuto dai contribuenti: “Non devo nemmeno lavorare”

Condividi!

Dicono che vengono a pagarci le pensioni.

Un documentario andato in onda qualche mese fa, su un richiedente asilo musulmano in Germania che vive felicemente di sussidi statali con le sue due mogli e i sei figli, sembra dimostrare il contrario: vengono a farsi mantenere.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il documentario di Spiegel TV ha raccontato la storia del 32enne Ahmad A., fuggito da Aleppo in Siria nel 2015 con la sua numerosa famiglia, trovando un rifugio dorato nello Schleswig-Holstein, nel nord della Germania: casa a due piani pagata dai contribuenti con due mogli e sei figli.

Nonostante la poligamia sia illegale in Germania, ad Ahmad è stato permesso di portare la sua seconda moglie nel paese, dato che lei è la madre di quattro dei suoi figli. E non vorrete separare una mamma dai figli!

E , ovviamente, non ha alcuna intenzione di tornare indietro, altrimenti sarebbe andato nella vicina Giordania.

Le autorità non erano nemmeno turbate dal fatto che il siriano avesse sposato la sua seconda moglie, Lina, quando aveva solo 13 anni, al di sotto dell’età limite in Germania. La sua prima moglie, Betool, aveva 14 anni al momento del matrimonio.

Ahmad ha anche una terza moglie in Siria, ma ha detto ai giornalisti di Spiegel che la casa dovrebbe essere più grande per fare arrivare anche lei. Per quanto riguarda i piani dell’uomo per il futuro, punta a quattro mogli e dieci bambini. Tanto pagano i tedeschi.

Quanto a Lina e Betool, si dicono felici di condividere un marito e che è “la volontà di Allah”. Come musulmano, Ahmad non vede alcun problema nell’avere parecchie mogli poiché è in linea con la legge della Sharia, che lui segue.

Le mogli risiedono in stanze separate al secondo piano e l’uomo ha detto che si assicura che non ci siano dispute tra di loro. La camera da letto della famiglia si trova al primo piano, con Ahmad che specifica che dorme solo con una moglie alla volta.

La famiglia di Ahmad vive in alloggi sociali e lo vive di sussidi statali: “C’è supporto qui. Ci danno benefici sociali, ci danno questa casa “, ha detto Ahmad, aggiungendo che la Germania era la sua destinazione desiderata quando ha lasciato il suo paese:

“Ti ringrazio molto, molto, molto, Mama Merkel. Lei è l’unica persona che ha compreso la sofferenza dei siriani. Ringrazio anche i tedeschi, anche se tra loro ci sono razzisti. Ma i tedeschi hanno vissuto la guerra e mostrano grande compassione per i siriani “, ha detto.

Alla famiglia è stato concesso lo status di rifugiato che consente ad Ahmad, che è analfabeta e un manovale non qualificato, di iniziare a cercare lavoro. Ma l’uomo dice che preferisce stare a casa con i suoi figli, tanto riceve il sussidio dal governo. Non è nemmeno a conoscenza della quantità di soldi che sta ottenendo: “Non lo so. I soldi mi sono appena stati trasferiti. Vado in banca e poi vi dico”, ha detto Ahmad.

Dategli torto.




Lascia un commento