Facebook pubblicizza i viaggi sui barconi, scafisti protetti

Condividi!

Se fosse un sito normale, verrebbe sequestrato dalla Polizia Postale

Anche il TG1, finalmente sottratto dalle grinfie della sinistra, scopre la pagine Facebook che pubblicizzano il traffico di clandestini:

Ora. Abbiamo una multinazionale che cancella le pagine anti-immigrazione ma non quelle degli scafisti. Un governo degno di questo nome dovrebbe fare un decreto: chi vuole operare in Italia, non può cancellare post, profili e pagine che non violano la legge italiana. Deve, invece, cancellare quelli che la violano.

Facebook non cancella le pagine degli scafisti che pubblicizzano i viaggi sui barconi? Ogni giorno multa da 100mila euro. Dopo una settimana Facebook reso inaccessibile dall’Italia. Al sesto giorno eseguirebbero.

Sarebbe interessante se Zuccaro si interessasse a Facebook.




Un pensiero su “Facebook pubblicizza i viaggi sui barconi, scafisti protetti”

  1. La bega legale sarebbe troppo lunga e complessa, si rischierebbe ancora di perdere e dover pagare. Molto meglio “proibire” del tutto. Questo concede un miglior margine di manovra al momento di intraprendere la trattativa successiva. La Cina è un ottimo esempio.

Lascia un commento