Media tedeschi: “Salvini dà voce all’odio italiano verso i migranti”

Condividi!

SI CHIAMA DEMOCRAZIA

I media di distrazione di massa tedeschi contro Salvini in vista delle elezioni europee si avvicinano e proprio Roma e Berlino sembrano essere i due poli contrapposti di questa sfida europea.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il settimanale tedesco “Stern” – una sorta di Espresso con più tette – dedica un articolo al leader italiano, definendolo l’uomo della retorica della ruspa.

Secondo il settimanale, Salvini governerebbe il Belpaese con la lotta ai migranti, la polemica contro l’Europa e l’invocazione di un “forte Stato nazionale”. Non mancano le critiche. Secondo Stern, infatti, il leader della Lega “intende posizionarsi come il precursore di una nuova Europa e ha pericolosamente successo, non solo in Italia”.

L’affondo è tutto nella parola “pericolosamente”. Viene definito un “politico Netflix” perché è “drammaturgicamente esperto” e “multimediale”. “La strategia è semplice ma efficace – si legge nell’articolo – Salvini costruisce inesorabilmente immagini nemiche e promette di guidarle con il suo bulldozer. A volte molto concreto, per esempio, quando si fa filmare con un casco in testa durante la demolizione di case abusive”. E poi si mostra “contro le macchinazioni dei burocrati”, vuole “combattere contro le corporazioni internazionali” e “la migrazione incontrollabile”.

“Quasi nessuno crede che la Lega garantirà più giustizia sociale – si legge ancora nell’articolo – Ma (…) Salvini è almeno qualcuno che provoca e dà voce all’Italia. Lavora a livello psicologico. La sua retorica apre le valvole per la frustrazione repressa e per l’odio”. Poi il settimanale riporta le accuse di chi accusa le politiche del ministro dell’Interno di aizzare “la violenza contro i migranti”, definiti “capri espiatori per tutto ciò che manca agli italiani”.




Lascia un commento