Smantellato tour operator per clandestini: sede in palazzine occupate!

Condividi!

Gestivano il traffico di clandestini, dallo sbarco al sud fino al loro trasferimento verso nord: la centrale operativa era l’ex Moi di Torino, il villaggio olimpico occupato dal 2015 da immigrati abusivi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli stessi, a cui Appendino vuole dare le case gratis perché sgomberino.

Dopo tre anni di indagini, la polizia ha smantellato quello che era diventato un vero e proprio ‘tour operator’ per clandestini che pagavano ingenti somme di denaro. Gli indagati, somali in prevalenza, sono 25, 11 gli arrestati, 5 i ricercati.

Operazione Mogadiscio. Il gruppo si faceva pagare per organizzare i viaggi tramite l’Hawala, istituto giuridico di pagamento che trae origine dalla legge islamica. Illegale in Occidente, consente che le transazioni di denaro tra soggetti dimoranti in Paesi diversi avvenga tramite agenti di scambio che, in seguito, regolano i loro rapporti con operazioni di compensazione tramite piattaforme informatiche come Money Transfer. Gli agenti della squadra mobile hanno sequestrato oltre 60mila euro. In alcuni casi ai clandestini venivano forniti anche i documenti – in alcuni casi falsi e, in altri, contraffatti con la sostituzione della fotografia – poi restituiti in modo da poter essere riutilizzati.

Agiscono occupando il territorio, e si fanno chiamare profughi. Poi, se qualcuno di loro prende fuoco, è colpa nostra.

“25 indagati (quasi tutti somali), 11 arrestati e 5 ricercati: è il bilancio dell’operazione di Polizia che ha smantellato una organizzazione che gestiva l’immigrazione clandestina”, esulta Matteo Salvini, “La centrale operativa era l’ex Moi di Torino, occupato da immigrati dal 2015. Un’area che, dopo anni di incertezze, abbiamo iniziato a sgomberare: la libereremo completamente nei prossimi mesi. È l’ennesima prova che l’immigrazione irregolare è un business che va stroncato. Grazie alle Forze dell’Ordine, dalle parole ai fatti!”.

Dopo aver soggiornato per qualche tempo al Moi e aver realizzato i documenti falsi (ai passaporti – 30 quelli ritrovati – venivano sostituite le fotografie), i migranti si muovevano verso altre zone con viaggi in treno, auto o autobus.

Insomma, le palazzine occupate vero centro di smistamento per clandestini: sotto gli occhi delle cosiddette autorità. Fassino prima, Appendino ora.

Il PD ha lasciato in eredità centinaia di zone occupate da vere e proprie milizie. Salvini deve agire, e farlo in fretta. Con durezza. Manu militari.




Lascia un commento