Lucano: “Diamo agli africani le case sfitte degli italiani”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Domenico Lucano contro Salvini dopo il rogo nella baraccopoli di San Ferdinando, nata grazie ai continui sbarchi di questi anni.

“Questa nuova tragedia mi fa molto soffrire, perchè questi ragazzi sono qui per trovare lavoro e invece trovano la morte”,
ha detto.

Senza riuscire a capire che forse, se non trovano lavoro, non sarebbe nemmeno il caso di traghettarli. Ma non chiedete troppo a Lucano.

“E’ da tempo che ho denunciato questa situazione, e vedo che c’è stata tanta attenzione per anomalie burocratiche e per le strutture di Riace e invece questa attenzione non c’è stata per la baraccopoli, che viene lasciata cosi’ in condizioni disumane. Noi avevamo cercato in tutti i modi di spiegare che si devono trovare soluzioni superando la baraccopoli e puntando sulle tantissime case abbandonate nella Piana di Gioia Tauro, invece in alcune riunioni ho sempre avuto la sensazione che non si volesse creare un contatto con le comunità e si volesse invece continuare a ghettizzare”.

Vanno mandati a casa, non nelle case requisite agli italiani. Chi in Italia non riesce a mantenersi, perché fa un lavoro totalmente inutile pagato 1 euro l’ora, deve tornare a casa, non stare qui a farsi mantenere.

“Salvini non ha umanità, come al solito. Dove le portano queste persone? Sembrano deportazioni. Perché non vanno nelle abitazioni della Piana? Il presidente della Regione Oliveiro aveva dato la massima disponibilità per un fondo di garanzia e un contributo per il recupero delle case abbandonate nei centri storici nei paesi vicini a San Ferdinando nella logica dell’accoglienza diffusa: questa e’ una soluzione umana. Salvini si accorge della situazione quando muoiono le persone, ma – conclude Lucano – non ha umanità”.

Questo vuole ripopolare l’Italia con gli africani. A qualunque costo. In complicità con chi poi li sfrutta nei campi.

Noi abbiamo un’idea diversa di agricoltura: macchine e pochi italiani ben pagati, non schiavi neri importati sui barconi. Ma a Lucano degli italiani importa una cippa, lui sì, senza umanità, tanto da sfruttarli per matrimoni fittizi, ma con molto fanatismo.




Lascia un commento