Clandestino riportato in Libia protesta: “Avevo pagato per andare a Roma”

Condividi!

Continuano le bizzarre interviste via satellitare del radiotaxi degli scafisti Alarm Phone ai clandestini nei ‘lager’ libici.

L’ultimo caso è quello di uno dei migranti riportati indietro lunedì, quando due barconi erano stati intercettati, uno dalla Guardia Costiera libica, l’altro da una nave commerciale.

Proprio a questo secondo caso si riferisce l’intervista:

Ha pagato per andare in Italia! Come gli altri 61 clandestini, tutti uomini tranne una donna.




Vox

Un pensiero su “Clandestino riportato in Libia protesta: “Avevo pagato per andare a Roma””

Lascia un commento