Profughi terrorizzano cittadina: donna picchiata, vigile aggredito e proteste

Condividi!

La titolare di un negozio di calzature di Serino, Avellino, è stata aggredita da un profugo residente in uno dei centri di accoglienza del paese. Strattonata prima all’interno dell’esercizio commerciale, la donna è stata poi inseguita e attaccata anche in strada fino a quando è riuscita a rifugiarsi in un bar.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il giovane fancazzista è stato denunciato ai carabinieri. L’episodio arriva dopo l’aggressione condotta, nella stessa cittadina, sempre da un migrante contro il comandante dei vigili urbani. Un altro atto di violenza che ha fatto registrare anche il danneggiamento del suo ufficio.

Mentre solo pochi giorni prima, i profughi avevano protestato con veemenza in uno dei centri di accoglienza della zona per i ritardi nel pagamento del pocket money.

Dunque clima di tensione a Serino dove l’assessore Marcello Rocco ha annunciato un esposto alla Procura della Repubblica e l’invio di un’informativa al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e al sottosegretario, Carlo Sibilia, affinché venga rispettato l’indice d’accoglienza fissato dal Viminale in 2,5 migranti ogni 1000 residenti. Ciò significherebbe per Serino, cittadina di circa 7000 abitanti, ospitare meno di 20 immigrati a fronte degli oltre 100 attuali.




Lascia un commento