Naufragio: i 120 clandestini fantasma che erano 20

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Ieri, la procura di Roma ha chiesto l’archiviazione per quello che, dati alla mano, rimane un naufragio fantasma:

Nemmeno i pm credono al naufragio fantasma, chiesta archiviazione

Vox aveva scritto sul presunto naufragio, provando, dati delle marine militari italiana e libica alla mano, la totale infondatezza del numero di morti:

Ufficiale, il naufragio da 117 morti era una bufala

Nonostante tutto, i giornali continuano a diffondere, senza nemmeno il tono ipotetico, l’idea che il 18 gennaio siano affondati, con certezza, 117 clandestini in Libia.

Lo fanno rivelando inavvertitamente che mentono:

Il tweet della Marina italiana è piuttosto eloquente: 20 a bordo.

Ricordiamo che il numero magico 120 è basato unicamente sulle testimonianze dei 3 sopravvissuti.

Ora, mettiamolo in relazione con la ricostruzione dei 3 ‘sopravvissuti’ come riportata dal Sole24Ore nell’articolo:

Il massacro dei 117 migranti: «Lasciati a 15 miglia dalla Libia solo con bussola e telefono»

Intorno alle 13 «la parte anteriore del gommone risultava in acqua e ciò comportava il completo spostamento di una massa di persone verso la parte anteriore» dell’imbarcazione. È il momento del massacro: «Iniziavano ad annegare le prime persone, in particolare alcune donne cadevano in acqua e non riuscivano più a salire. Mentre accadevano questi fatti i migranti avvistavano un aereo militare (italiano, ndr) che provvedeva a lanciare due zattere gialle in soccorso; zattere che però cadevano lontane dal gommone». Dopo circa mezz’ora, alle 13:39, erano già affogate 70 persone. Sul «gommone semiaffondato» erano attaccate 50 persone. Cinque ore dopo non era ancora partito alcun salvataggio. Alle 18:30 un elicottero partito dalla nave militare Duilio salva gli ultimi due naufraghi. In 117 muoiono affogati.

Quindi, secondo la Marina, c’erano a bordo 20 clandestini. E la Marina ha le foto del ricognitore. Mentre secondo la ricostruzione di cui sopra, alle 13:39 ne erano affogati 70 con altri 50 ancora a bordo. Come è possibile? Eppure i testimoni parlano di aereo da ricognizione mentre a bordo c’erano ancora oltre cinquanta immigrati.

Come è possibile?

C’è un’unica spiegazione: non ci sono mai stati 120 clandestini a bordo, e sono sempre stati 20. Oppure, la Marina non è in grado di realizzare fotografie abbastanza nitide da distinguere tra 20 e 120 clandestini.

In tutto questo, i nostri media danno credito a 3 clandestini piuttosto che ad una foto scattata dalla Marina militare italiana.

Sia chiaro, noi non diciamo che erano sicuramente 20, ma che tra le due ipotesi, con quanto conosciamo al momento, quella di 20 clandestini è la più probabile.

Eticamente non c’è differenza tra 20 e 120, anche 1 morto è una tragedia. Ma mediaticamente, fa tutta la differenza del mondo, quando cerchi di manipolare l’informazione al tempo dei porti chiusi.




Lascia un commento