Pd sogna una guardia costiera europea che sostituisca le Ong

Condividi!

“Una vittoria”, la definisce in una nota il gruppo del Pse guidato dalla governatrice dell’Umbria Catiuscia Marini (Pd), che ha fatto approvare in aula una serie di emendamenti che hanno “profondamente cambiato il testo della relatrice del Ppe ungherese, Anna Magyar, appartenente al partito Fidesz del primo ministro Viktor Orban”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Questo parere (non vincolante, ndr) è molto importante per noi perché l’impatto finanziario e la proposta di 10mila agenti operativi entro il 2020 è cruciale per gli enti locali e regionali nell’ottica di una politica europea coerente e comprensiva sulla migrazione”, ha dichiarato il consigliere regionale del FVG Franco Iacop. “Il parere rischiava di ridurre le competenze operative della nuova Agenzia portandola ad essere sottoposta al solo controllo e al rispetto delle disposizioni nazionali – ha aggiunto – ed era focalizzato solo sulla chiusura delle frontiere“.

“Ho personalmente lavorato a questo progetto già da molti anni. Un’Europa che crea un corpo unitario è un’Europa più forte, in grado di affrontare meglio anche i grandi problemi delle migrazioni di massa. Più coraggio, più Europa; meno paure, meno chiusure”, ha sottolineato il capo della delegazione italiana Enzo Bianco (Pd).

Ecco, il PD vuole una ‘guardia costiera Ue’ che scarichi in Italia tutti i clandestini, come funzionava con la famigerata operazione Sophia. Quello di cui non abbiamo bisogno, è proprio una sorta di marina Ue che agisca su mandato di una commissione UE nominata e incontrollabile da parlamenti e popoli. No grazie.

Del resto, cosa aspettarsi dal PD, il cui unico scopo è quello di svendere la sovranità nazionale?




Un pensiero su “Pd sogna una guardia costiera europea che sostituisca le Ong”

Lascia un commento