Firenze: “se non fai stare zitto il cane lo ammazzo”

Condividi!

Cascine, “se non fai stare zitto il cane lo ammazzo”. Il parco cittadino di Firenze diventato ormai di proprietà degli spacciatori africani.

Il giornale locale racconta:

VERIFICA LA NOTIZIA

“Alle Cascine non ci vado più, questo è quello che mi ha detto ieri un amica. Sono stata aggredita alle Cascine mentre passeggiavo con il cane. Un uomo mi segue, si avvicina sempre di più, mi chiede se voglio la “roba” , non rispondo e accelero il passo. Il cane abbaia, abbaia forte, sente che sono in pericolo e vuole difendermi. L’uomo mi dice di calmare il cane altrimenti lo ammazza. Non so chi mi ha dato coraggio. O forse è stato un attimo di incoscienza. Ho scandito talmente forte nella mia testa che. No, non l’ho scandito, l’ho proprio detto. Cosa cazzo fai?? Ero incazzata. Lui: “stai attenta, vi ammazzo entrambi,tanto non ho niente da perdere”.

Gli immigrati clandestini, che invece di ringraziare il nostro paese per l’accoglienza vendono veleno ai nostri figli, sono sempre li. Spavaldi e convinti che nessuno possa fermare questo incubo nel quale l’Italia è caduta cinque anni fa. Quando si è pensato che far entrare 600 mila africani, in una nazione con il 14,8% di disoccupazione, fosse un’idea brillante. L’integrazione è un processo lentissimo e difficile.




Lascia un commento