Ufficiale, 11 profughi minorenni non lo erano: denunciati

Condividi!

Hanno dichiarato di essere minorenni quando invece avevano superato la maggiore età.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sono una ventina di immigrati richiedenti asilo politico nel centro di accoglienza Mondo Migliore in via dei Laghi a Rocca di Papa – quello della Diciotti, quello che si è preso una parte dei ‘deportati’ da Castelnuovo di Porto, quello gestito da una coop legata al Vaticano.

A scoprire la truffa il tenente colonnello Sergio Ierace, comandante della polizia locale. Dopo un mese e mezzo di indagini, dirette personalmente dal comandante, con riscontri anche attraverso esami medici e radiografici effettuati in ospedale, è stato accertato che undici di loro non sono minorenni ma hanno superato i 18 anni. E da un bel po’. Per gli altri è difficile da appurare.

A questo punto ci si chiede: perché gli esami non vengono fatti a monte?

I giovani, provenienti per lo più dal Gambia e dal Bangladesh, sono stati denunciati per i reati di falsa attestazione di generalità e false dichiarazioni a pubblico ufficiale .

Sbarcati in Sicilia il 30 luglio scorso ed identificati subito dopo dalla Questura di Ragusa, i giovani avevano dichiarato una data di nascita non vera, come fanno tutti, del resto, con la complicità delle ong e delle coop che per loro incassano il doppio dei contributi.

Aver individuato gli undici falsi minorenni inoltre ha consentito un risparmio sul loro mantenimento, di circa 28 mila euro mensili, alle casse comunali, in quanto come minori i giovani immigrati sarebbero stati trasferiti in altre strutture specializzate ed il costo giornaliero per i minorenni si aggira dagli 80 ai 100 euro al giorno.

Del resto, secondo il software, nemmeno quelli della Sea Watch 3 in alto lo sono. Aspetteremo che a fare i controlli sia un vigile urbano?




Lascia un commento