Il suicidio del profugo respinto era una bufala buonista, lo dicono testimoni

Condividi!

Esclusa da subito, da parte degli inquirenti, l’ipotesi del suicidio. Secondo il racconto di alcuni testimoni, il giovane stava parlando con una persona e poi si è messo ad attraversare, incautamente, i binari.

Così scriveva fin da subito il giornale locale, dopo la morte dell’immigrato nigeriano che, poi, è divenuto per la sinistra un cadavere da gettare contro Salvini. Ecco il testo completo:

VERIFICA LA NOTIZIA

Gravissimo incidente, oggi pomeriggio verso l’una e mezzo alla stazione di Tortona.
Un giovane nigeriano di 24 anni è morto travolto da un treno che stava arrivando in stazione.
Il dramma si è consumato sul terzo binario quando arrivava il convoglio 3987 Trenord proveniente da Alessandria e diretto a Milano.
Secondo quanto ricostruito dalla Polfer giunta subito sul posto assieme ai Carabinieri, 118 e Vigili del Fuoco, il giovane è finito sul binario proprio nel momento in cui arrivava il treno che aveva già rallentato la sua corsa.
Una tragedia che si è svolta in pochi, drammatici, secondi: solo all’ultimo, infatti, il macchinista si è accorto del ragazzo finito sui binari e non ha potuto far nulla per evitare l’impatto. Il nigeriano è stato investito in pieno ed è morto sul colpo.
Esclusa da subito, da parte degli inquirenti, l’ipotesi del suicidio. Secondo il racconto di alcuni testimoni, il giovane stava parlando con una persona e poi si è messo ad attraversare, incautamente, i binari.
Straziante, all’arrivo dei soccorsi, la scena che si è presentata loro davanti con il corpo a brandelli del giovane che giaceva a terra, irriconoscibile.
Il personale delle ferrovie ha fatto scendere i viaggiatori dal treno che poi hanno proseguito il viaggio salendo su altri convogli, mentre i Vigili del Fuoco del distaccamento di Tortona hanno messo in sicurezza la zona impedendo l’accesso sulla pensilina del secondo e terzo binario.
I treni in arrivo e in partenza da Tortona sono stati dirottati sul 1° e 5° binario subendo ritardi di circa mezz’ora. Il traffico si è normalizzato poco dopo un’ora.

Quindi, “esclusa da subito, da parte degli inquirenti, l’ipotesi del suicidio”: come è possibile che poi, dopo, tutti i media di distrazione di massa abbiano iniziato a parlare di suicidio per ‘asilo negato’?

Sia chiaro, anche se si fosse suicidato, non sarebbe certo ‘colpa’ di Salvini, ma della follia di chi pretende di stare in Italia a farsi mantenere. Ma il fatto che sin da subito l’eventualità venne esclusa, dimostra, ancora una volta, come i media manipolino la realtà.

Piangono il clandestino suicida, ignorano il pensionato che si impicca




Un pensiero su “Il suicidio del profugo respinto era una bufala buonista, lo dicono testimoni”

Lascia un commento