Nigeriana senza biglietto spezza il dito a controllore: fratturato

Condividi!

L’aggressore è un’immigrata nigeriana che, nella mattinata di ieri, durante una verifica da parte dei dipendenti BusItalia, ha colpito con violenza un controllore fratturandogli il dito.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il tram, partito da Pontevigodarzere con destinazione Guizza, durante una fermata lungo il tragitto si ferma per far salire dei controllori. Mentre iniziano le operazioni di verifica dei titoli di viaggio, una donna nigeriana inizia a darsela a gambe lungo il marciapiede.

Prontamente, uno dei dipendenti Busitalia addetto alle verifiche cerca di trattenerla e la donna, per tutta risposta, lo colpisce con estrema violenza alle mani. L’uomo, dolorante, viene accompagnato al pronto soccorso: Qui i sanitari lo rilasceranno con una prognosi di 30 giorni.

Per la donna, invece, solo una denuncia per lesioni aggravate.

Il co-segretario Sls, Fulvio di Bernardo, presente sul tram teatro dell’aggressione: “Ora basta. L’azienda e le altre istituzioni competenti devono mettersi intorno a un tavolo per cercare di varare un progetto comune a tutela sia dei lavoratori e sia dei passeggeri. Purtroppo gli evasori, che si ostinano a viaggiare senza biglietto, sono ancora tanti. La multa di 52 euro non basta per far capire che non si può e non si deve salire su tram e bus senza il biglietto. L’anno scorso, dopo l’escalation delle aggressioni, fu presa la decisione di far girare sul tram, in modo saltuario, anche i carabinieri. Servono scelte più radicali”.

Un modo ci sarebbe. E non è quello del selfie coi cingalesi.




Lascia un commento