Salvini, contatti Ong-trafficanti: “Abbiamo intercettazioni”

Condividi!

“Ci sono evidenze di contatti telefonici tra alcune persone a bordo delle navi delle Ong e alcuni trafficanti a terra”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Matteo Salvini accusa le organizzazioni non governative nel corso della conferenza stampa odierna al Viminale dedicata alla missione Sophia e alla chiusura del Cara di Castelnuovo di Porto.

“Gireremo le informazioni all’autorità giudiziaria perché sono temi che riguarderanno l’autorità giudiziaria, non il ministro dell’Interno” ha aggiunto.

Poi, riguardo i capi del traffico di clandestini, individuati dagli investigatori italiani, sotto processo in Italia ma rimasti liberi in Libia, si è impegnato a chiedere al governo libico la consegna.

“All’’inizio del 2018 i migranti ospitati nelle strutture di accoglienza erano 183 mila; a un anno di distanza sono 133 mila, cioè 50 mila in meno. Ecco, per la prima volta dopo tanti anni, nel 2019 fino ad oggi, ci sono state più espulsioni che arrivi via mare: gli sbarchi sono stati 155 a fronte di 221 rimpatri effettuati e di 368 respingimenti alla frontiera. Mentre le domande d’asilo sono state analizzate con scrupolo e i dinieghi sono passati dal 57% al 78%, a dimostrazione che noi proteggiamo chi scappa dalla guerra e non chi la guerra ce la porta in casa”.

E il decreto Salvini non è nemmeno ancora a regime.




Un pensiero su “Salvini, contatti Ong-trafficanti: “Abbiamo intercettazioni””

  1. 22% di domande di asilo accolte? Ma da dove vengono questi signori? Tutti Siriani? Premesso che Assad è un signore (you can’t mossad the Assad) non credo che questo 22% avrebbe i requisiti se io fossi il giudice.

Lascia un commento