Navi tedesche non traghetteranno più clandestini in Italia, Sophia addio

Condividi!

La Germania interrompe la sua partecipazione alla famigerata missione europea Sophia.

Lo scrive l’agenzia Dpa, secondo la quale, da martedì, dopo la fregata Augusta non sarà più inviata alcuna nave tedesca davanti alla costa libica.

Ottimo. Ora togliete la bandiera anche alle vostre Ong.

I media parlano di “schiaffo all’Italia”, in realtà è una meravigliosa notizia, perché gli accordi di Renzi prevedevano che tutte le navi Ue portassero clandestini in Italia:

Missione Sophia è costata a Italia 1,5 miliardi e 50mila clandestini

Da missione anti-scafisti era diventata, in realtà, un servizio taxi parallelo a quello delle Ong.

Infatti, Salvini: “La missione Sophia aveva come mandato di far sbarcare tutti gli immigrati solo in Italia e così ha fatto, con 50.000 arrivi nel nostro Paese. Se qualcuno si fa da parte, per noi non è certo un problema”.

“L’invio della nave Berlin per la missione Sophia è solo temporaneamente sospeso. Il mandato della missione sarà prolungato dalla Ue a marzo (in realtà la missione è improbabile che venga rinnovata, visto che l’Italia non vuole più ‘rispettare’ gli accordi presi da Renzi: tutti i raccattati in Italia) e noi riteniamo che debba essere chiarito meglio quali sono i compiti della missione”. Lo ha detto un portavoce del ministero della Difesa tedesco all’ANSA, rispondendo a una domanda sulla sospensione della partecipazione della Germania a Sophia. “Nel quartier generale di Sophia restano comunque i nostri uomini”, ha aggiunto.




Lascia un commento