Castelnuovo di Porto, pacchia finita per finti profughi: via da ‘hotel’

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
E’ iniziato questa mattina il trasferimento dei primi 30 fancazzisti ospiti del centro di accoglienza di Castelnuovo di Porto, cittadina di 8.500 abitanti a pochi chilometri da Roma.

Abbiamo parlato stamani della vicenda:

Salvini chiude il centro profughi preferito da Bergoglio, sindacati scioperano

“Si preannuncia una vera e propria emergenza sociale, umanitaria e perfino sanitaria”, ha delirato il segretario del Pd provinciale di Roma, Rocco Maugliani, aggiungendo che “alcune persone sono state letteralmente gettate per strada”.

Migranti e richiedenti asilo del Cara di Castelnuovo di Porto, Roma, 22 gennaio 2019
ANSA/MASSIMO PERCOSSI
Migranti e richiedenti asilo del Cara di Castelnuovo di Porto, Roma, 22 gennaio 2019
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Secondo il PD l’accoglienza in ‘hotel’ per i nigeriani deve essere per sempre. Perché loro li hanno trasformati in profughi per foraggiare le coop.

Entro il 31 gennaio il Cara a Castelnuovo di Porto sarà completamente svuotato e chiuso. I circa 500 immigrati presenti saranno trasferiti altrove o fatti uscire se non hanno il diritto all’accoglienza. Lo si apprende da fonti del Viminale.

L’operazione comporterà risparmi per circa un milione all’anno di affitto, ed è resa possibile dal crollo del numero degli sbarchi.

Fa parte del programma di svuotamento dei grandi centri come già fatto per Cona e Bagnoli in Veneto.

Razzista, fascista, nazista…Alle balle della sinistra rispondo coi fatti, col lavoro, coi risultati, con le vite salvate, i reati diminuiti, i soldi risparmiati.Bacioni😘

Posted by Matteo Salvini on Tuesday, January 22, 2019




Un pensiero su “Castelnuovo di Porto, pacchia finita per finti profughi: via da ‘hotel’”

Lascia un commento