Naufragio o messa in scena? Dubbi sui morti: erano 17, sono diventati 117

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Sia chiaro: l’affondamento c’è stato, ma il numero dei morti e i motivi del naufragio sono misteriosi.

“Io mi chiedo, è solo una domanda, come si fa a quantificare al millimetro il numero dei morti in mare nell’ultimo naufragio, 117. Chi ha certificato e verificato questa cifra?”, denuncia in una nota il senatore di Forza Italia, Francesco Maria Giro. “Come è possibile? In base a quali testimonianze? In base ad elenchi degli scafisti? Chi li ha? Chi li conosce? Un’ultima domanda: i corpi sono stati tutti recuperati? Tutti identificati?”.

Al momento sono due le stime fornite da fonti ufficiali. Una, come detto, è quella dell’Oim che ha riportato le testimonianze di chi era sul barcone. L’altra è registrata nelle comunicazioni ufficiali della Marina italiana.

La stranezza è che l’Oim ha cambiato numeri in corsa. E la testimonianza dei tre presunti sopravvissuti è arrivata dopo l’incontro con lo staff di MSF presente a Lampedusa: a proposito, è normale che gli indagati per la nave dei veleni Aquarius abbiano ancora accesso ai clandestini?

Il barcone naufragato è stato infatti avvistato per la prima volta a 50 miglia a Nord-Est di Tripoli da un aereo da pattugliamento marittimo P 72 del 41° Stormo di Sigonella dell’Aeronautica Militare. Era in volo proprio nell’Operazione Mare Sicuro. Il velivolo ha gettato due zattere di salvataggio, viste le pessime condizioni di galleggiabilità. Poi sono arrivati i soccorsi con un elicottero partito dalla Caio Duilio che recupereranno i 3 superstiti.

Quando l’aereo da pattugliamento avvista il gommone, si legge nel comunicato della Marina:

Naufragio da 117 morti, ma Marina Militare: “20 immigrati a bordo”

Alle 15.02 del 18 gennaio, invece, su Twitter, la famigerata Sea Watch, parlava di 50 clandestini a bordo.

Insomma: 20, 50, 117. Numeri in crescita, come al mercato.

Il senatore Giro si chiede: “come si fa a quantificare al millimetro il numero dei morti in mare nell’ultimo naufragio”.

Non si può. Sempre che quel naufragio ci sia stato. E non sia, invece, stata una messa in scena per riaprire i porti.




Un pensiero su “Naufragio o messa in scena? Dubbi sui morti: erano 17, sono diventati 117”

Lascia un commento