Immigrati, Lucano delira: “I trafficanti sono vittime”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
L’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, sospeso per furti e reati vari secondo la procura, prosegue nella sua escalation verso il delirio. Lucano, in una dichiarazione all’Adnkronos, ha detto: “Per alleviare l’onta mediatica delle sue gravi responsabilità il governo italiano ha detto che la responsabilità è dei trafficanti. Ma io dico che anche loro sono vittime“.

Avete letto bene: i trafficanti sono vittime.

“I crimini dell’umanità non sono i loro, ma quelli di un governo indifferente, di un ministro dell’Interno che pensa a farsi fotografare mentre mangia con la gente che muore in mare… Mai l’Italia è stata così in basso”.

Intanto il sindaco, indagato dalla procura di Locri, non può tornare a Riace in quanto definito ‘delinquente abituale’: “Mi hanno notificato ieri l’ordinanza. Ovviamente sono rammaricato, triste, mi sembra tutto paradossale, mi è stata rigettata la richiesta di revoca di divieto di dimora a Riace che mi avevano dato perché avrei affidato la raccolta rifiuti nel mio Comune a coop che non avevano i requisiti, cosa non vera, e poi per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. O meglio, per aver favorito il tentativo di ingresso di cosiddetti clandestini… Ma in un vocabolario dei diritti umani, neanche dovrebbe esistere questa parola ‘clandestino'”.

I clandestini non esistono, i trafficanti sono vittime, le Ong sono eroiche. E Lucano è onesto.

Intanto:

Il tribunale di Locri conferma il divieto di dimora a Riace per Mimmo Lucano

Posted by Il Quotidiano del Sud – Calabria on Sunday, January 20, 2019

Ps. Eccone un altro:

Il presidente della Toscana: «non basta indignarsi sui social, serve nuovo progetto di accoglienza»

Posted by Vvox on Sunday, January 20, 2019

In democrazia governa chi vince le elezioni, non chi decidono rossi e i salotti radical shit.




Lascia un commento