“Il partito di Bergoglio (o dei migranti) è destinato a perdere”

Condividi!

Roberto De Mattei, esperto di Storia del Cristianesimo e di Storia Moderna e principale firma del sito Corrispondenza Romana, ne è sicuro: il “partito di papa Bergoglio”, quello unioneuropeista e favorevole, sempre e comunque, all’accoglienza dei migranti, è destinato a essere sconfitto.

VERIFICA LA NOTIZIA

Da settimane si vocifera della nascita di un “partito dei cattolici”, sponsorizzato da alcuni vescovi italiani e promosso – pare – dalle realtà associative cattoliche più progressiste, come la Comunità di Sant’Egidio. L’operazione è complicata e sul tavolo c’è più di un’ipotesi: è più probabile che, alla fine, venga istituito un forum civico. Questa è la soluzione individuata dal cardinal Gualtiero Bassetti. Ma per De Mattei, una formazione di questo tipo, comunque vada, non andrà lontano: “Populismo chiama populismo – ha dichiarato all’agenzia citata – e il risultato è che il ‘partitò dei vescovi in gestazione’, che poi sullo sfondo è il ‘partito bergogliano’, è destinato a perdere”.

“Il partito dei vescovi, o bergogliano – ha continuato De Mattei – , è in sostanza il partito dei migranti a sua volta populista, ma di un populismo di sinistra, alternativo al populismo attuale”. La pastorale di Bergoglio – questo è deducibile leggendo la riflessione – è per De Mattei la vera fonte ispiratrice del simbolo che potrebbe presto comparire sulle schede elettorali. Non è la prima volta, del resto, che il pensiero del Santo Padre viene accostato a quelle che vengono definite “istanze migrazioniste”.

Padre Antonio Spadaro, in queste settimane, ha pubblicato su La Civiltà Cattolica quello che sembrerebbe un vero e proprio manifesto idealistico. La Chiesa cattolica si prepara a occupare uno spazio sulla scacchiera politica del Belpaese, ma per De Mattei quest’operazione, presunta o meno, non avrà alcun successo.

Sarebbe meraviglioso se fondassero un partito – non accadrà mai -, perché finalmente scenderebbero direttamente in campo invece di pontificare fingendo di essere super partes. E prenderebbero quanto prende la Boldrini: certificando così la loro totale irrilevanza politica.

La Chiesa, che oggi è la Chiesa di Giuda, non è mai stata così politicamente nulla e così snobbata dalla popolazione.




Lascia un commento