A Sanremo sbarca la canzone in arabo dell’immigrato

Condividi!

A Sanremo arriva la canzone in arabo. Quell In gara alla kermesse che prenderà il via il prossimo 5 febbraio, c’è anche la “Soldi” di tal Mahmood, nome d’arte di Alessandro Mahmoud, rapper nato a Milano 24 anni fa, da madre italiana e padre egiziano. Simbolo dell’invasione anche sessuale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel testo della canzone che tratta la storia delle seconde generazioni di immigrati stile banlieus parigine che ora affollano anche le nostre degradate periferie, ci sono diverse parole in arabo come “Ualadì”, “habibi”.

E lo chiamano “Festival della canzone italiana…”.




5 pensieri su “A Sanremo sbarca la canzone in arabo dell’immigrato”

  1. Ueh…Alladin….e i 40 macron….

    ..habibi…amigo mio…nethamiao….miao…miao…miao…

    (non proseguibile oltre per il rischio di invasione felina)

    etc…etc…

    Baglioni estasiato dal testo….e dall’altro testo sull’assegno che gli hanno firmato…..e poi baglioni….i suoi coglioni sono illuminati da incredibili abbagli di luce (da cui il suo nome)…..mica come noi, poveri fessi ……

  2. Azzoccolati ad ascoltare il mare…..

    Quanto tempo siamo stati
    Senza lucrare…

    Seguire il tuo gorilla con un dito
    Mentre il vento accarezzava piano
    Il mio conticino…

    E tu…

    Fatta di coca, tu….

    E di sorrisi ebeti, tu
    Ed io…
    A piedi nudi, io
    Sfilavo i tuoi risparmi, io

    E fermarci a lucrare
    Con una boldrina….

    E poi chiudere i porti
    Non pensare più
    Senti allah anche tu
    Ce l’hai sgonfio anche tu

    E nascosti nell’ombra della sera poche scimmie…….

    Ed un brivido improvviso…..

    Sulla tua pelle (del portafoglio)

    Poi correre felici a perdifiato

    Fare a gara per vedere

    Chi lo prende dietro…

    E mi piace allah

    E mi piace di più

    Forse sei l’amore….

    ….per il mio posterioreee….

  3. Da sempre, data la loro avida natura e il potere attrattivo che esercitano sulle masse di fessi….sono sempre stati usati questi ”personaggi” dalle ”antenne” in cima alle piramidi….

    Così che sono certo che se la giustizia divina dovesse alfin abbattersi su questo pianeta…..più del 90% di costoro finirebbero spediti sul sole per la rifusione delle loro carni da cinghiale….per essere riplasmati in qualcosa di più somigliante ad un essere umano….

Lascia un commento