Profughi rovesciano acqua bollente su donna incinta: pestaggio

Condividi!

Brutali. Lesioni personali gravi, minacce, ingiurie e violenza privata sono i reati contestati a tre nigeriani residenti in un centro di accoglienza di Frosinone.

VERIFICA LA NOTIZIA

Vittime due donne, rispettivamente di 36 e 28 anni, che hanno dovuto far ricorso alle cure dei sanitari dell’ospedale “Spaziani” di Frosinone.

La più giovane, in stato di gravidanza, è stata ricoverata per le percosse subite, mentre la più grande è stata dimessa con prognosi di 15 giorni per ustioni di 1° e 2° grado in varie parti del corpo.

I profughi hanno rovesciato una pentola di acqua bollente sulla testa e sulle spalle.




Un pensiero su “Profughi rovesciano acqua bollente su donna incinta: pestaggio”

Lascia un commento