Ong tedesca causa ennesimo naufragio e forse 20 morti

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Un aereo della Marina militare italiana, della famigerata missione UE Sophia, ha avvistato nel pomeriggio un gommone con una ventina di clandestini a bordo in precarie condizioni di galleggiabilità. L’imbarcazione si trovava a 50 km a nord dalle coste di Tripoli: sono state lanciate due zattere in mare, successivamente, un elicottero della nave Duilio ha recuperato un naufrago in mare e due sulle zattere in ipotermia.

Il motivo della presenza del natante è questo:

Ong, SeaWatch in attesa del carico a 35 miglia da Tripoli

Le Ong tedesche annunciano su internet – anche agli scafisti – la loro presenza in zona, così vengono lanciati i barconi. Molti appena in condizioni di galleggiare, tanto ci sono le ong in attesa. E poi arrivano i morti.

Che forse sono la vera strategia degli scafisti. E delle Ong.

Ps. Ma quando la finiremo di mandare le navi militari italiane con la missione Ue Sophia davanti alla Libia, se invece di portarli a Tripoli, ce li portano in casa?




3 pensieri su “Ong tedesca causa ennesimo naufragio e forse 20 morti”

  1. Gli gnugranti, attraversano il fiume Ruwenzori ….

    …..ma i coccodrilli fuggono disgustati…e non li ”raccolgono”……sapendo che dall’altra parte c’è chi lo fà con ben altre ”fauci”…..

Lascia un commento