I rom in fila per il reddito di cittadinanza: “Ci spetta” – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Al campo rom di Torino i nomadi attendono già l’assegno del reddito di cittadinanza: “Siamo residenti da 40 anni”. La testimonianza è stata raccolta dalla deputata di Fratelli d’Italia, Augusta Montaruli:

Esigiamo che la Lega faccia chiarezza. Ci dica se esiste o meno una clausola sul metodo ‘Ceccardi’ che, di fatto, quasi azzererebbe il numero di non italiani che possono richiederla.
In caso contrario sarebbe un tradimento degli elettori.

Tradimento: Reddito Cittadinanza a 164mila immigrati

Secondo una tabella riportata sempre nella relazione, in totale i nuclei di soli stranieri sono pari a 256mila: di questi 92mila non potranno accedere però al reddito in quanto non “lungosoggiornanti” e non residenti da almeno 10 anni nel territorio italiano.

Se confermato, è un chiaro tradimento del contratto elettorale:

Salvini piega Di Maio: Reddito di Cittadinanza solo agli Italiani

E un tradimento di Salvini ai propri elettori:

SalvinI: “Reddito di Cittadinanza solo a italiani”

In pratica, se confermato, significa che le vostre tasse vanno agli immigrati che da sedicenti risorse si trasformano in succhiasoldi.

Non solo. Se questi numeri sono reali, significa che gli immigrati sono più del 10 per cento dei beneficiari. Ovvero un’incidenza superiore a quella che hanno sulla popolazione residente. In pratica una misura che li favorisce rispetto agli italiani.

Ci chiediamo: possibile – non potendo scrivere ‘solo italiani’ per colpa della Ue – non applicare altre clausole che avrebbero ridotto il numero a poche migliaia, rendendolo veramente un Reddito di Cittadinanza?

Altro che prima gli italiani, prima gli immigrati!

Per ricevere il reddito di cittadinanza occorre rientrare in alcuni parametri:

– valore Isee inferiore a 9.360 euro;
valore del patrimonio immobiliare non superiore a 30 mila euro;
– valore del patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro, accresciuto di 2.000 euro per ogni componente della famiglia fino ad un massimo di 10.000, incrementato di 1.000 per ogni figlio successivo al secondo e di 5.000 per ogni componente con disabilità.

Potranno ricevere il reddito solo i cittadini italiani o stranieri in possesso del permesso di soggiorno residenti in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due anni in modo continuativo.

Ora, è possibile che il punto 2 sia quello che elimina quasi tutti gli immigrati se applicato col ‘metodo Lodi’, ovvero per gli immigrati certificazione di non avere case di quel valore nei propri Paesi di provenienza.

Quindi la platea di immigrati sarebbe solo potenziale e non reale.

Vedremo se ci saranno spiegazioni. Perché altrimenti, invece di un ‘reddito di cittadinanza‘, sarebbe uno stipendio a chi ci sta invadendo.




Lascia un commento