Borgo Mezzanone: militanti FN scortano donne a casa

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Su richiesta dei residenti di Borgo Mezzanone, stretti tra l’assedio degli immigrati abusivi e la mancanza di illuminazione, da un po’ di sere i militanti di Forza Nuova accompagnano le donne fin sotto casa: “Questa è terra di nessuno, divisa a metà tra Foggia e Manfredonia, non si sa mai chi debba farle le cose, un continuo rimpallo, in mezzo i cittadini già provati dalla presenza del Cara ed annesso campo abusivo, con migliaia di “risorse”, per usare un termine di boldriniana memoria, che non è che si comportino sempre bene, ma non è di questo che vogliamo parlare ora”.

I forzanovisti fanno sapere di un incontro con il Prefetto, “a cui va riconosciuto da un lato la tempestività della convocazione riservata a FN ed un delegato dei cittadini, dall’altro lato ad onor del vero una dichiarazione d’intenti apprezzabile, ma senza indicare modi e tempi, per cui nel frattempo che i dottori studiano e per non far morire l’ammalato, abbiamo deciso di fare da soli”

I militanti proseguono: “Come sempre noi ci proviamo a dialogare con le istituzioni, ma si sa i residenti di Borgo Mezzanone sono figli di un Dio minore, ed allora facciamo da soli, come da tradizione, mettiamo un pò più di benzina alle auto e la sera invece di fare lo struscio in via Lanza a Foggia o sul corso di Manfredonia, si va a Borgo Mezzanone a scortare donne, ragazze e bimbe che per tornare a casa devono fare il viottolo completamente al buio”.




Lascia un commento