Militari accerchiati da spacciatori africani, armati di bastone

Condividi!

Assalto alle Cascine, Firenze. Il branco, composto da giovani spacciatori africani, si è prima mosso verso il greto dell’Arno e poi è risalito dopo aver incontrato alcuni italiani. I carabinieri sono intervenuti.

VERIFICA LA NOTIZIA

A quel punto, però, uno dei componenti del gruppo ha opposto resistenza minacciando i militari con un bastone insieme agli altri connazionali che nel frattempo avevano accerchiato i militari. L’uomo, 32enne del Ghana pregiudicato, è stato arrestato.

Tutto questo nella città della sindaca Nardella, uno dei sindaci che non vuole applicare il decreto Salvini.

Carabinieri, è come se vi avessero accerchiato, armati di bastoni, i sindaci del Pd.

Sul caso è intervenuto il senatore leghista Manuel Vescovi che ha espresso solidarietà al carabiniere: “Per l’ennesima volta il parco delle Cascine si conferma ostaggio di delinquenti senza scrupoli. Lo spaccio di droga è all’ordine del giorno ed il recente e gravissimo episodio, rileva chiaramente quanto l’attuale amministrazione a guida Nardella, a parte le classiche dichiarazioni di facciata, sia sempre stata molto deficitaria sul delicato argomento”. Per Vescovi “a Firenze è giunto il momento di cambiare atteggiamento nei confronti di questi delinquenti che hanno reso impraticabile ai cittadini lo stupendo polmone verde del capoluogo; basta lassismo e pressapochismo, urge restituire ogni angolo della città ai residenti”.




Un pensiero su “Militari accerchiati da spacciatori africani, armati di bastone”

Lascia un commento