Legittima difesa, Stacchio: «Basta difendere delinquenti»

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Graziano Stacchio, il benzinaio vicentino che nel febbraio 2015 uccise un ladro rom durante un tentativo di rapina, ha commentato le critiche dell’Associazione Nazionale Magistrati alla riforma della legittima difesa che presenterebbero il rischio di «profili di illegittimità costituzionale».

«E’ facile parlare per i magistrati – ha accusato Stacchio -. Ma dove sta la magistratura in Italia? Lascino perdere la politica e si schierino con i cittadini. In Italia si dedica troppo tempo a difendere i delinquenti. Tutti abbiamo diritto a difenderci. L’autodifesa è un diritto che nemmeno la legge può togliere e invece così com’è la norma tutela i delinquenti», dice Stacchio che afferma di non essersi pentito di aver sparato a un rapinatore mentre assaltava una vicina gioielleria.

«Riprendere il fucile? Lo rifarei due volte, perché vedo che ancora oggi si difendono i delinquenti», conclude.

Se difendere i cittadini è incostituzionale, allora va cambiata la Costituzione. Non l’uomo è fatto per la legge, ma la legge per l’uomo.

Stacchio: accuse definitivamente archiviate

Rapine, arrestato figlio del bandito ucciso da Stacchio

Vedova delinquente Rom ucciso da Stacchio occupa casa: “Ora mi dovete mantenere”




Lascia un commento