Foto incastrano Ong tedesche: hanno mentito, fuggiti col carico

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Le Ong tedesche che stanno rifilando 49 clandestini all’Europa hanno mentito. Con la chiara complicità dei governi tedesco e olandese, che non tolgono loro la bandiera, di fatto permettendo al loro traffico illegale di andare avanti.

Intanto, come avevamo già scritto, entrambe le navi avevano tenuto un comportamento tipico degli scafisti.

La Sea-Eye aveva praticamente sottratto i clandestini alla guardia costiera libica:

Rapporto inchioda Ong, hanno ‘rubato’ clandestini ai libici

Mentre la SeaWatch aveva dichiarato una falsa emergenza naufragio, quando, invece, il barcone stava navigando tranquillamente e sarebbe stato intercettato in poco tempo sempre dai libici:

Video inchioda Ong tedesca: appuntamento col barcone

Ma ora spuntano nuove accuse. Che dimostrano il comportamento criminale di questi trafficanti umanitari.

Il campo missione della Sea-Eye, bandiera tedesca, aveva affermato di non avere consegnato i clandestini ai libici per un motivo, la motovedette non avrebbe avuto segni di riconoscimento:

Peccato che qualcuno della stessa Ong abbia pubblicato la foto dell’incontro ravvicinato:

La motovedetta è una di quelle donate dal governo italiano per il blocco navale italo-libico. Ha tutti i segni di riconoscimento.

A questo punto il governo tedesco deve ritirare la bandiera all’Ong. O sarà complice del traffico di clandestini portato avanti da questa accozzaglia di riccastri annoiati da centro sociale.




Lascia un commento