SeaWatch, chi ospita Chiesa Valdese: Alì e i suoi 9 figli, a spese nostre

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
I 10 clandestini africani che arriveranno in Italia, ma solo dopo che Malta e gli altri si saranno presi 200 clandestini ‘italiani’ , saranno presi in carico dai Valdesi.

La Chiesa Valdese è tra le più impegnate nel traffico umanitario. Diciamo che il suo scopo principale è la sostituzione etnica. Fa parte di quel coacervo di industriali dell’accoglienza che ha concepito i famigerati ‘corridoi umanitari’.

Ricordiamo che:

Ma dietro l’iniziativa dello scafista in pectore Conte ci sono i suoi amici di Sant’Egidio. Vero fulcro del traffico umanitario verso l’Italia con cellule sparse in tutto il sistema politico e finanziario italiano.

Tra i beneficiari di questi demenziali corridoi umanitari, che Salvini invece di rinnovare avrebbe dovuto eliminare (fallo, sei ancora in tempo), ci sono anche Alì e le sue tante mogli:

La famiglia di Ali è numerosa: 9 figli. E’ arrivata a Roma il 27 aprile 2016 con i corridoi umanitari, frutto di un protocollo d’intesa tra la Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, la Tavola Valdese e il governo italiano. E’ finanziata con i soldi dell’8 per mille. In pratica il Vaticano usa i soldi che truffa ai contribuenti italiani per islamizzare l’Italia in complicità con gli abusivi al governo.

Quindi, non è vero che sono in carico ai trafficanti umanitari della Chiesa Valdese, sono a carico dei contribuenti italiani attraverso l’8 per mille che queste chiese truffano legalmente con il sistema del silenzio assenso.

La mossa di Salvini di legare l’arrivo di questi 10 clandestini su 300 che si prenderanno altri 7 paesi, al ricollocamento dei 200 sbarcati in Italia in estate, è ottima. Ma, sinceramente, per noi Conte ha chiuso. Da oggi è guerra contro lo scafista umanitario a Palazzo Chigi.

Ps. Non avendo foto di Alì con tutto il clan, abbiamo utilizzato la foto di un’altra famiglia numerosa di profughi.




2 pensieri su “SeaWatch, chi ospita Chiesa Valdese: Alì e i suoi 9 figli, a spese nostre”

Lascia un commento