Ue spende 10 milioni di euro per trovare le radici dell’Europa nel Corano

Condividi!

“La nostra ipotesi di lavoro è che il Corano abbia svolto un ruolo importante nello sviluppo intellettuale e religioso europeo”, e fa già ridere così.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’Ue ha finanziato con 10 milioni di euro (vostri) una delirante ricerca universitaria sul “Corano europeo”, per “determinare fino a che punto il testo sacro di Allah è incorporato al pensiero dei cristiani, medievali e moderni, degli ebrei, dei liberi pensatori, degli atei e dei musulmani europei”.

Di questi, circa 2,5 milioni di euro finiranno all’Università L’Orientale di Napoli.

“La nostra ipotesi di lavoro – spiegano i ‘ricercatori’ – è che il Corano abbia svolto un ruolo importante nello sviluppo intellettuale e religioso europeo. Per questo vogliamo studiare l’uso culturale e religioso che si fa del Corano, tradotto, edito, stampato e circolato in Europa dal Medio Evo fino all’Illuminismo”.

Dieci milioni per studiare una emerita cazzata. Volete cercare le radici dell’Europa? Le trovate nel Mahabharata.




Un pensiero su “Ue spende 10 milioni di euro per trovare le radici dell’Europa nel Corano”

  1. Questa minchiata fa parte del solito e molto più complesso piano ONU per la sostituzione etnica di cui fa parte anche la nuova redazione dei testi scolastici in cui cercano di venderci un cosiddetto “pareggio culturale” fra islam e cristianesimo. Sono reperibili online le slide di presentazione sia al governo francese sia agli organi della comunità europea. Premesso che è ormai assai complicato ottenere una versione veritiera della “Storia” a questi Farenheit 451 gli fa una pippa. C’è veramente gente che ora fa il lavoro di Winston Smith in 1984.

Lascia un commento