Pd come le multinazionali contro legge Salvini: vogliono schiavi

Condividi!

Segue l’esempio americano dei colossi della Silicon Valley, che si schierarono contro il decreto anti-immigrazione del presidente Trump, il ricorso alla Consulta della Regione Piemonte contro il decreto sicurezza. Ad occuparsene, a titolo gratuito, è il professor Ugo Mattei, docente di diritto internazionale. Lo rende noto l’assessora regionale all’Immigrazione, Monica Cerutti, secondo cui il decreto “rischia di creare un danno all’economia piemontese perché farà finire nell’irregolarità migliaia di migranti che non potranno più contribuire alla vita economia del territorio”.

“La nostra avvocatura sta lavorando con le altre regioni rosse – spiega Cerutti – per coordinare i ricorsi. Stiamo pensando di aggiungere un nuovo profilo di incostituzionalità, che va sommarsi a quelli che riguardano le competenze regionali in materia di sanità e politiche sociali. Il decreto manda del resto a gambe all’aria il lavoro fatto sull’immigrazione, rendendo inutili gli investimenti messi in campo”.

Il PD come le multinazionali. Ricorrono perché vogliono più schiavi a disposizione. Silicon Valley come lavoratori low-cost, il PD come elettori analfabeti, visto che ormai non li vota più nessuno.

Il PD è il partito dell’invasione. Il partito dei clandestini e dei mantenuti in hotel. Il partito che si è inventato la ‘protezione umanitaria’ per fornire clienti nigeriani alle coop che poi lo finanziano.

Il partito di Kabobo e Oseghale.




Lascia un commento