Vescovo Pisa predica accoglienza, ma mura i gattini

Condividi!

No ai muri ha detto l’altro giorno il vescovo di Pisa:

Vescovo Pisa vuole moschea e più africani: è la Chiesa di Giuda

Ma lui vive in un enorme palazzo circondato da un grande parco tutto cinto di mura.

Intanto, a Pisa, come in altre città d’Italia, l’ondata di freddo polare di questi giorni sta mettendo in serio pericolo la vita di molti senzatetto, tra cui tanti, troppi italiani che hanno perso tutto e sono costretti a dormire in auto o in alloggi di fortuna, se non addirittura in scatole di cartone sotto ponti e portici.

La dottoressa Gambaccini, assessore alle politiche sociali del Comune e presidente della Società della Salute, sta seguendo la situazione con attenzione ed impegno e facendo tutto il possibile ma i dormitori pubblici sono pieni e i posti letto, anche includendo i 15 messi a disposizione dalla Misericordia, potrebbero non essere sufficienti.

https://www.quinewspisa.it/pisa-emergenza-freddo-asilo-notturno-al-completo.htm

Chissà se Sua Eccellenza Reverendissima l’Arcivescovo riuscirà a trovare all’interno del Palazzo dell’Arcivescovado – un enorme e lussuoso complesso a pochi passi dalla Piazza dei Miracoli (FOTO ALLEGATE) costruito grazie a secoli di decime, lasciti e donazioni dei fedeli – un paio di stanzette vuote per ospitare almeno per qualche notte questi sfortunati?

Purtroppo ho qualche dubbio in proposito…

Pare che a Sua Eccellenza Reverendissima dessero fastidio persino una ventina di gatti randagi (una piccola colonia felina che viveva da tempo immemorabile nel giardino, anzi nel parco del palazzo), tanto che la scorsa primavera fece chiudere il cancello con una lastra di metallo, impedendo alle gattare di nutrirli…

Pisa. Aidaa denuncia il Vescovo. Impedisce di portare il cibo ai gatti, che rischiano di morire

https://www.tgcom24.mediaset.it/animali/pisa-animalisti-contro-il-vescovo-salviamo-i-gatti-che-ha-rinchiuso-_3134531-201802a.shtml

Come si suol dire, predicare bene (o “benotto”) e razzolare male, anzi malissimo.

M.L.

Aggiungiamo che, vista l’insistenza nel chiedere l’apertura dei porti da parte dei vescovi, è ora di chiedere, a loro, l’apertura dei lussuosi arcivescovadi in cui vivono: date accoglienza ai senzatetto. Non è scritto nel Vangelo?