Trascinata via per strada e violentata da 2 immigrati

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Trascinata in un luogo isolato, poco distante dalla stazione ferroviaria di Tortona, in pieno giorno, dove in due le hanno preso il cellulare e tentato di stuprarla.

E’ accaduto lo scorso 28 dicembre a una venticinquenne.

Le ragazza era in compagnia di una amica e stava attendendo la madre nel parcheggio dietro la stazione, vicino all’area dismessa ex Alfa. Si era allontanata di qualche metro dall’auto; in quel momento, due migranti le si sono affiancati chiedendole una sigaretta.

Pochi secondi e l’hanno afferrata e trascinata tra i capannoni dell’ex area industriale, dove le hanno sfilato giacca e maglietta, buttandola a terra.

La vittima ha reagito ed è riuscita a fuggire raggiungendo l’amica: insieme hanno dato l’allarme. Ancora sotto choc, la ragazza è stata accompagnata al pronto soccorso.

Arrestati dopo poco i due, già noti alle forze dell’ordine. Si tratta di Ilie Benzar, 34 anni e Cristian Florin Barbu, 33 anni, in Italia senza fissa dimora. Barbu, in particolare, era da poco uscito dal carcere dove era detenuto per una rapina messa a segno nel marzo del 2017. I due, subito dopo l’aggressione, avevano trovato ospitalità presso un conoscente in via Don Sturzo e si stavano presumibilmente preparando alla fuga.

I carabinieri della compagnia di Tortona sono riusciti però ad individuare Benzar mentre questi si trovava in un supermercato per acquistare birre. Subito dopo hanno rintracciato anche Barbu, in via Don Sturzo. All’interno dell’abitazione è stato ritrovato anche il cellulare della ragazza aggredita.

L’accusa di cui dovranno rispondere è rapina e tentata violenza sessuale di gruppo.

#Apriteiporti. Chi lo scrive è uno stupratore.




Lascia un commento