Reddito cittadinanza, Lega: «mai a immigrati o sarà rivolta»

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
«Serve fare barriera, perché non esiste una cosa del genere», questa la dichiarazione del segretario della Lega in Veneto, Gianantonio Da Re, parlando del reddito di cittadinanza.

Da Re commentava così l’ultima presunta bozza diffusa dai media, secondo cui la misura di sostegno al reddito sarebbe spettata anche a 400 mila stranieri, comunitari ed extracomunitari, con permesso di soggiorno e residenza in Italia da almeno 5 anni. In realtà, poche ore dopo, Di Maio ha smentito:

Governo conferma: Reddito Cittadinanza solo a italiani

«Credo sia necessario intervenire prima che la bozza diventi legge. Se il servizio sarà migliorato, saremo i primi a votare il reddito di cittadinanza, ma i correttivi, al momento, mi sembrano indispensabili. Altrimenti sarà rivolta… il retropensiero arriva alla base leghista, perché così com’è adesso le misure contro la povertà vanno contro le politiche dell’immigrazione volute da Salvini. Noi siamo per il “prima gli italiani” – conclude Da Re – e su questo punto non si transige».

Ovvio. Non passerebbe mai il RdC se non fosse limitato, come da nome, ai cittadini italiani. Siamo certi, e abbiamo ricevuto notizie in merito, che verrà applicato il ‘metodo Ceccardi’.




Vox

2 pensieri su “Reddito cittadinanza, Lega: «mai a immigrati o sarà rivolta»”

Lascia un commento