Bergoglio: “Troppi senzatetto a Roma”, ma in Vaticano non li vuole

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

“Dobbiamo fermarci a riflettere con dolore e pentimento perché, anche durante quest’anno che volge al termine, tanti uomini e donne hanno vissuto e vivono in condizioni di schiavitù, indegne di persone umane”. Così il Papa al ‘Te Deum’. “Anche nella nostra città di Roma ci sono fratelli e sorelle che, per diversi motivi, si trovano in questo stato. Penso, in particolare, a quanti vivono senza una dimora. Sono più di diecimila”, ha ricordato Francesco sottolineando che “d’inverno la loro situazione è particolarmente dura”. “Sono tutti figli e figlie di Dio, ma diverse forme di schiavitù, a volte molto complesse, li hanno portati a vivere al limite della dignità umana”, ha detto il Papa nei Primi Vespri della solennità di Maria Santissima Madre di Dio, cui segue il canto del ‘Te Deum’ a conclusione dell’anno civile. “Anche Gesù è nato in una condizione simile, ma non per caso, o per un incidente: ha voluto nascere così, per manifestare l’amore di Dio per i piccoli e i poveri”, ha aggiunto.

Lo dicesse San Francesco, potremmo anche stare ad ascoltare. Ma quando lo dice il re di uno Stato che esiste anacronisticamente nel mezzo della stessa città in cui dice esserci troppi senzatetto, allora fa ridere: abbatti quel muro, Bergoglio.




Lascia un commento