Stupri di Natale, immigrati a caccia di italiane: Livorno, Torino, Udine

Condividi!

Un altro tentato stupro di Natale.

Era da poco trascorsa l’una della notte di Natale, quando un abitante sente le grida d’aiuto, dalla finestra della sua abitazione vede una donna trattenuta da un energumeno tra due autovetture parcheggiate sul ciglio della strada.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’uomo, purtroppo non armato, chiama il 112 e in pochi secondi, è arrivata sul luogo una pattuglia che, fortunatamente, si trovava in zona.

I militari hanno sorpreso il turco mentre cercava di stuprare la donna italiana.

Nelle stesse ore, a Torino:

Migrante violenta pensionata la notte di Natale: ora vive nel suo stesso condominio

Un altro caso a Codroipo, provincia di Udine. Un tunisino di 26 anni è stato arrestato per violenza sessuale, sequestro di persona e violenza a pubblico ufficiale.

Aveva appena tentato di violentare una ragazzina, ma la minorenne è riuscita a divincolarsi e a mandare un messaggio d’aiuto alla mamma. La donna si è messa subito in contatto con i carabinieri che sono intervenuti sfondando la porta della casa dove la piccola era stata sequestrata e riuscendo a salvarla dallo stupro.

Alla vista dei militari il tunisino ha tentato di scappare ingaggiando una colluttazione e colpendone uno con una bottigliata sulla testa. Poi è stato immobilizzato e arrestato.




Un pensiero su “Stupri di Natale, immigrati a caccia di italiane: Livorno, Torino, Udine”

  1. Cosa bisogna aspettare ancora per porre fine a queste atrocità.
    Le autorità preposte alla nostra salvaguardia non ci aiutano.
    La magistratura agisce solo a favore di questa gentaglia parassita,ipocrita e assassina.
    Salvini,incrementa il tuo operato aumentando e le pene e l’allontanamento di essi dal nostro suolo.

Lascia un commento