Cardinale della moschea attacca Salvini a Messa Natale: “Non si chiudono porti”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Attacco a Matteo Salvini durante l’omelia della Santa Messa di Natale da parte dell’arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori, quello che ha venduto il terreno della sua diocesi per la costruzione della moschea di Sesto Fiorentino.

“A Betlemme – ha detto il filoislamico – per Maria e Giuseppe, se non ci fu posto nell’alloggio, non mancò almeno l’accoglienza in una stalla”. Il che è già una falsità: come tutti sanno, all’epoca quello era il tipico ricovero dei viaggiatori, era la Palestina del primo secolo, non l’Italia degli hotel a quattro stelle pre i fancazzisti amici di Betori.

“Che cosa ci sta accadendo dal momento che, di fronte alle oggettive difficoltà di inserire nella nostra società persone provenienti da mondi e culture diversi, in questi anni non si è ancora riusciti a trovare forme efficaci di risposta che non siano le chiusure dei porti e l’abbandono di fatto all’illegalità, che dà origine, questa sì, a insicurezza e paura?”, ha chiesto Betori. Che, poi, ha incalzato: “E non ci si dica che questo nulla ha a che fare con il Natale e con la fede”.

“Quel bimbo che nasce è un Dio che si fa carne, un Dio che entra nella storia e se ne fa carico, chiedendo di esserne protagonista, gettando su di essa una luce definitiva e una potenza redentiva mediante il suo gesto di amore”, ha aggiunto l’arcivescovo che, durante la predica, ha anche critica la “cultura individualista” che ora regna in Occidente. “Dobbiamo pur chiederci perché in un popolo da sempre aperto all’incontro e all’accoglienza sta prevalendo l’istinto a chiudersi nel proprio guscio, a negare ospitalità a chi viene da paesi in guerra, impoveriti dalle rapine dei potenti, stremati dalla fame – ha millantato dimenticando di elencare le guerre che non esistono – c’è una radice profonda all’origine di questa chiusura ed è la cultura individualista che ha pervaso l’Occidente”. Perché questa è invasione, non ‘accoglienza’. E se voi avete un perverso desiderio di sodomizzazione culturale – e probabilmente non solo culturale -, gli italiani no.

Betori, hai venduto per 30 denari il terreno della Chiesa per fare una moschea, taci, traditore.

Sono fuori controllo. Avere chiuso il rubinetto al business dell’accoglienza ha scatenato la furia di chi sta perdendo tutto quello che dava per scontato. Miliardi di euro e giovani maschi africani.




Un pensiero su “Cardinale della moschea attacca Salvini a Messa Natale: “Non si chiudono porti””

  1. BASTARDI BASTARDI CHIESA VATICANO POLITICI E TUTTI QUELLI CHE LUCRAVANO SUL BUSINESS SENZA CHE GLI IMPORTAVA NULLA DI IMPORTARE CRIMINALITÀ E DEVASTAZIONE NELLA NAZIONE TRADITORI SPERO CHE SALTATE IN ARIA CON GLI ATTENTATI TERRORISTICI

Lascia un commento