Milano, Sala contestato dai suoi deve scappare

Condividi!

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala è stato pesantemente contestato da un gruppo di antagonisti in piazza Angiliberto, in zona Corvetto, dove si trovava per il taglio del panettone con i cittadini. Nel corso della contestazione sono volati sputi, insulti e spintoni tra gli antagonisti e alcuni alpini presenti per l’iniziativa. “Te ne devi andare” hanno urlato i contestatori. “Non sei niente, tornatene nella tua casa di lusso, ti fai vedere solo per tagliare il panettone. Sei un pezzo di m…”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli antagonisti hanno protestato per gli arresti di alcuni attivisti del Comitato di quartiere Giambellino – Lorenteggio, accusati di gestire le occupazioni abusive delle case popolari, e per gli sgomberi che avvengono “ogni giorno nel quartiere dove le famiglie vengono messe in mezzo alla strada”. A placare i momenti di tensione sono intervenuti alcuni agenti della Polizia locale. Dopo oltre mezz’ora di contestazioni, il sindaco ha dovuto lasciare la piazza con l’auto e gli antagonisti se ne sono andati.

Retata di centri sociali: occupavano case popolari e le affittavano a immigrati




Lascia un commento