La minaccia di Open Arms: “Italia non ci fermerà”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Ana Montes, spagnola, è indagata insieme al comandate della nave Open Arms Marc Reig dalla procura di Ragusa per “violenza privata” e “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina” in relazione al traghettamento in Italia di 216 clandestini avvenuto lo scorso 15 marzo:

Open Arms truffava l’Italia: clandestini diretti a Malta portati in Italia

Una delle tante operazioni che hanno portato in Italia decine di migliaia di clandestini e che ci sono costate:

Ong Open Arms è costata all’Italia 750 milioni di euro

Intervista da Repubblica, la volontaria a pagamento minaccia: “La Procura mi vuole processare. Inizialmente non capivo perché, poi ho compreso che il governo ha paura di noi perché siamo gli occhi del Mediterraneo. Ma non ci fermerà”.

Vi abbiamo già fermati:

Dieci navi italiane verso la Libia, riporteranno indietro i clandestini

Il personaggio in foto è il deputato boldriniano Palazzotto. Un traditore. Che passa più tempo in crociera che in Parlamento, nonostante gli italiani gli paghino lo stipendio:




Un pensiero su “La minaccia di Open Arms: “Italia non ci fermerà””

Lascia un commento