Immigrati, Salvini: possono fare tutti i cortei che vogliono, pacchia finita

Condividi!

“Di Maio, Salvini, vaffanculo”, lo slogan degli immigrati. E ancora: “Subito, subito il permesso di soggiorno”. Protestano contro il decreto Sicurezza voluto da Salvini, il ministro dell’Interno che non temono di definire “assassino”. “Indossiamo questi abiti perchè siamo arrabbiati per il razzismo che dobbiamo subire ogni giorno. Molti di noi fuggono da guerre e povertà, chiediamo solo diritti, il permesso di soggiorno”, dice uno che proviene dal Mali. Poi uno fa dell’ironia: “Noi non siamo criminali, siamo lavoratori, siamo gli schiavi dei campi di lavoro che non volete vedere, quelli che raccolgono le verdure che poi mangiate. Immigrazione non vuol dire criminalità, noi siamo spesso sfruttati dalla criminalità, nei nostri viaggi per arrivare qui, sul lavoro. Chiediamo solo di non essere più invisibili, di ottenere diritti: casa, lavoro”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Se non ci foste voi, a farvi sfruttare nei campi, la raccolta sarebbe automatizzata, e servirebbero 1/10 di persone per farlo. Non solo, quel decimo sarebbero italiani del sud che oggi emigrano: molti ingegneri per controllare le macchine addette alla raccolta. Ma il Pd ha devastato il tessuto economico di intere zone scaricando un esercito di riserva di braccia low-cost. E con gli schiavi, l’economia non progredisce, rimane statica, perché non c’è bisogno di migliorare la produttività e quindi non si investe in tecnologia.

La risposta di Salvini: “Abbiamo ridotto di 100mila gli sbarchi, capisco che a sinistra qualcuno sia nervoso perchè hanno perso un bel po’ di quattrini. Possono fare tutti i cortei di bandiere rosse e immigrati clandestini, io penso prima agli italiani e vado avanti!”. Però, i clandestini vanno espulsi. Magari anche mentre ‘manifestano’: quale migliore occasione.

Immigrati, Salvini: possono fare tutti i cortei che vogliono, pacchia finita

Presenti alla manifestazione anche i radical chic di Potere al Popolo (africano): “Chi ci ha rubato i diritti il futuro il lavoro e la salute – dice Viola Carofalo – non sono i cittadini stranieri ma il governo presente e quelli precedenti”. Ma infatti, mica quelli che ti passano avanti in fila al pronto soccorso, negli asili, nelle case popolari: ha stato Salvini!




Un pensiero su “Immigrati, Salvini: possono fare tutti i cortei che vogliono, pacchia finita”

Lascia un commento