Lodi, discriminati sono i bimbi italiani

Condividi!

“Ci deve essere uguale trattamento per tutti, altrimenti ad essere discriminati saranno i cittadini italiani e in questo caso le famiglie lodigiane”. Lo ha dichiarato il vicepresidente leghista del Senato Roberto Calderoli, alla luce dello stop del Tribunale di Milano alle regole di accesso alle mense scolastiche per i figli di cittadini extra Ue del Comune di Lodi.

Tribunale obbliga italiani a pagare la mensa agli immigrati

“Condizioni uguali per tutti? No, non è così e a questo punto il discorso vale anche per gli anziani. Se l’indigenza non vale per chi possiede un immobile, magari acquistato mangiando cipolle per pagare il mutuo, è chiaro che allora le tariffe agevolate o i sussidi – afferma Calderoli- diventano tutti esclusivi per gli immigrati che raramente acquistano casa. Questo è il vero discrimine, chi ha un alloggio e magari campa con uno stipendio da 1200 euro e ne paga 500 di mutuo è considerato non indigente rispetto a chi con gli stessi 1200 euro e un affitto da 500 non è proprietario di una casa. Se funziona così allora quasi tutte le esenzioni andranno solo agli immigrati. non credo che il discrimine basato sull’Isee sia giusto. Ma perché il Comune di Lodi deve dare la mensa gratis a famiglie che non dimostrano di non possedere immobili in patria? Giusto aiutare tutti, famiglie immigrate incluse ci mancherebbe, ma giusto anche pretendere di poter verificare se possiedono appartamenti in Marocco, Egitto o Pakistan”.

In realtà non ci sarebbe nulla di strano ad aiutare solo gli italiani in Italia. Gli immigrati che vengono in Italia dovrebbero essere in grado di mantenersi da soli, altrimenti che ci vengono a fare, in Italia?

La realtà è che i figli degli immigrati prosciugano il nostro welfare e in questo modo agiscono come freno alla natalità italiana:

I figli degli immigrati ci costano 12 miliardi di euro

Senza il ‘metodo Lodi’, finisce che tutte le esenzioni vanno agli immigrati:

Pd nega mensa gratis a bimbi italiani: prima gli immigrati

Ma, ancora più importante: a chi appartiene la sovranità in Italia, al popolo italiano o ai magistrati?

E’ tempo del metodo Orban con i giudici rossi. La guerra non si combatte al fronte, il fronte è nelle nostre scuole, nelle strade. E’ nelle sale parto.




Lascia un commento