Gb, proibite pubblicità con mamme casalinghe

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Il vero pericolo per la libertà di espressioni e la normalità non sono più gli Stati, sono le multinazionali. Guidate da una generazione di Gaystapo, di sacerdoti del politicamente corretto.

La pubblicità che mostrano una casalinga che si occupa della famiglia sarà bandita dal prossimo anno in una repressione a livello di settore su “stereotipi dannosi” che secondo i ricercatori contribuiscono a “disuguaglianze di genere nel mondo reale”.

I Comitati della pratica pubblicitaria (PAC), che creano e mantengono codici pubblicitari in Gran Bretagna, hanno pubblicato venerdì le linee guida in n vista delle nuove norme che entreranno in vigore nel giugno 2019.

“Una pubblicità che ritrae un uomo avventuroso giustapposto a una donna delicata è inaccettabile”, si legge nella guida, che afferma che gli stereotipi di genere possono abbassare l’autostima degli spettatori e “limitare le loro aspirazioni e capacità di progredire in aspetti chiave della loro vita personale e professionale con conseguenze dannose per loro e per la società nel suo insieme”.

Questi sono dementi.

Preferiscono queste pubblicità:




Lascia un commento