Rom assaltano devastano locali a Trento: spedizione punitiva italiani

Condividi!

Il caso di Villamontagna finisce anche fra i banchi del consiglio provinciale trentino duranti i lavori della mattinata grazie al consigliere di Agire Claudio Cia.

VERIFICA LA NOTIZIA

La rissa della piccola frazione del capoluogo scatenata da un gruppo di sei zingari di etnia rom completamente ubriachi è stata considerata dallo stesso consigliere provinciale come un nuovo fallimento dell’integrazione del centrosinistra.

Dallo stesso Claudio Cia infatti si viene a sapere che il gruppo di Rom non è la prima volta che combina qualche guaio in paese.

Un gruppo di Rom a cui 2 anni fa è stato dato un appartamento in nome dell’integrazione e che tiene un’intera popolazione sotto scacco danneggiando e minacciando gli esercizi pubblici e una cooperativa.

I residenti, ormai furibondi, hanno deciso di organizzare ieri sera una riunione presso il Dylan cafè, il bar dove è avvenuta l’ultima aggressione.

Tutti hanno chiesto alla politica un cambio di rotta veloce.

«Quando l’inserimento di certi soggetti viene fatto forzatamente e spesso all’oscuro dei cittadini succedono queste cose dovute anche al fatto che questa gente non si rassegna ad integrarsi» – ha spiegato Claudio Cia

Il consigliere di Agire è intervenuto in replica alla consigliera delle minoranze del PD Sara Ferrari che aveva criticato nella relazione del presidente Fugatti il passaggio dove si parlava di «integrazione forzata».

Come si ricorda tutto era cominciato nel pomeriggio della festa di Santa Lucia quando un gruppo di persone è entrato al bar e ha consumato regolarmente.

Più tardi però si sono ripresentati asserendo che non avevano ricevuto il resto, cosa non vera.

Dalle scaramucce è iniziato il parapiglia e un dipendente del locale è stato colpito con un pugno in faccia.

A questo punto sono entrati in gioco gli amici dell’aggressore da una parte e il proprietario e i clienti del bar in difesa dell’aggredito.

Ne è venuta fuori una maxi-rissa, mentre i clienti hanno cercato di chiudere fuori i facinorosi che avrebbero scagliato addirittura una panchina nella vetrata del bar.




Un pensiero su “Rom assaltano devastano locali a Trento: spedizione punitiva italiani”

  1. Questi e tanti altri sono i risultati del falso buonismo e delle decisioni governative dei sinistroidi.
    Via rom ed immigrati dall’Italia.
    Riprendiamoci la nostra sovranità per la quale tanti connazionali hanno dato la vita.

Lascia un commento