Proposta sinistra: 4 eurotasse per finanziare migranti e ong

Condividi!

La folle idea dei radical chic porta la firma di Thomas Piketty, autoproclamatosi ‘nuovo Marx’, ma che di Marx non ha compreso la lezioni primaria: no all’esercito di riserva.

I firmatari sono una selva di radical chic: sociologi, economisti, professori universitari di tutto il Vecchio Continente. Tra loro anche il sinistro Massimo D’Alema e Miguel Gotor, già senatore del Pd con un nome che sembra uscito da un manga giapponese.

“Il nostro continente – si legge nel manifesto – è intrappolato tra i movimenti politici il cui programma è limitato alla caccia agli stranieri e ai rifugiati, da un lato. E dall’altro, partiti che pretendono di essere europei, ma che in realtà continuano a considerare che il duro liberalismo e la diffusione della concorrenza a tutti (Stati, imprese, territori e individui) sono sufficienti per definire un progetto politico”.

Dopo una serie di idiozie, si arriva alla ciccia, un “budget per la democratizzazione”: nuove tasse.

Questo bilancio “parallelo” verrebbe infatti “finanziato da quattro importanti imposte europee” che si applicheranno “ai profitti delle grandi imprese, ai redditi più alti (oltre € 200.000 all’anno), ai maggiori proprietari di patrimoni e alle emissioni di carbonio (saranno contenti i gilet gialli)”.

Le tasse, tra le altre cose, serviranno a “finanziare l’accoglienza, l’integrazione dei migranti e il supporto di coloro che sono coinvolti nella realizzazione di questa trasformazione”. Una bella marchetta alle ong, insomma. Soros deve essersi stufato di pagare di tasca propria questo sostegno.

Infine, se resta qualche spicciolo, potrebbe “lasciare agli Stati membri un certo margine di bilancio per ridurre l’imposizione fiscale regressiva che grava sui salari o sui consumi”. Ma proprio se avanza qualcosa.

I firmatari si auspicano che tutti i “paesi dell’Unione europea” aderiscano “senza indugio”, ma in teoria potrebbe essere “adottato e applicato” anche da una minoranza di Stati.




3 pensieri su “Proposta sinistra: 4 eurotasse per finanziare migranti e ong”

  1. Se lo adottino e se lo applichino loro. Siamo stufi di mantenere zecche, intellettuali e negri. La presenza di D’Alema comunque è incoraggiante, in coppia con Gotor potrebbero affondare qualsiasi cosa.

Lascia un commento